lunedì 30 aprile 2012

Diamond Stuart Weitzman

Un nome, una domanda. Perché? 
Perché dare a una collezione il nome Diamond? Perché, pensi ingenua, sarà sulla stessa linea d'onda della collezione limited edition di Le Silla, tutta sandali e decollté tempestati di Swarovski! *_*
Col cavolo.
Tu clicchi sul link della pagina di Selfridges tutta speranzosa di trovarti davanti a chissà cosa e ti ritrovi invece davanti 4 sandali, 2 zeppe e 2 flat degni di Zalando. E poco importa se ci sono gli Swarovski. 
Di tutti i modelli presenti, tutti con nomi tra l'altro assurdi (Dfastlane, Ddotem, Dextrano e via orripilando), solo uno risalta per essere quanto meno un pochino originale (ma non per questo bello): il sandalo Dswagger (vai così, Stuart, associa nomi impronunciabili a scarpe inguardabili, vedrai come vendi):



Si commenta da sé: il tacco, su cui si focalizza inevitabilmente l'attenzione, rende brutto e sgraziato questo sandalo. Non basta ricoprirlo di cristalli per renderlo quantomeno gradevole: la forma fa sembrare il sandalo una sedia pieghevole, immaginatelo con un piede infilato dentro... e poi, perché non ricoprirlo tutto di cristalli, perché fermarsi sotto il tallone? Sembra pure incompleto. La punta così tondeggiante poi è orrenda e impreziosirla con gli Swarovski è stato un errore: essendo corta, le dita ci finiranno in parte sopra, con conseguente fastidio per le dita medesime, oltre a non aver centrato l'effetto che si voleva ottenere. Vorrei proprio sapere chi mai butterà £485,00 per questo rigurgito dei tristi anni '90...
Dalle stelle alle stalle: Stuart è passato dal realizzare splendide calzature con diamanti veri a realizzare brutte calzature con diamanti virtuali. Sembrano infatti lontani i tempi in cui creava il mitico sandalo con cinturino gioiello tempestato di diamanti (veri quelli) e tanzanite al proibitivo costo di 2 milioni di dollari:

4 commenti:

  1. Suart è sempre stato molto "americano" come stile, ha proposto dei modello di successo ma sono pochissimi rispetto a quelli poco interessanti o addirittura brutti, spesso si è ispirato a idee già viste, è un peccato perché secondo me ha talento, dovrebbe solo aprire la mente e pensare in modo meno limitante!
    Questi sandali sembrano rotti, orribili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho trovato solo su YooX un modello carino che vorrei regalare a mia madre per il suo compleanno, per il resto vuoto cosmico...

      Elimina
  2. Weitzman fa dei modelli molto carini, però ogni tanto si perde per strada... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me perde proprio la zucca... XDDD

      Elimina