venerdì 19 luglio 2013

New Entry! Casadei's "Valentina", meglio nota come "Blade" col cinturino

Lo giuro! Giuro sulla testa dei figli che non ho che non è colpa mia! Io volevo solo accompagnare Shoegal a fare un giro per i negozi più fescion del centro e fare il tifo per l'acquisto di un nuovo paio di Casadei (siamo o no in periodo di saldi?). Ma chi non è mai entrato nel negozio monomarca di Piazza di Spagna non può capire cosa significhi passare dai sanpietrini infernali che sbucciano i tacchi al paradiso multicolore di vere opere d'arte e ingegneria. E poi c'era il signor Antonio. E chi lo conosce sa che è impossibile resistergli, perché ti coccola e ti vizia e alla fine come fai a non cadere in tentazione, allettata oltretutto dal forte sconto? I saldi sono il Male, per chi ha un lavoro per modo di dire. Dovrei tirare la cinghia, altro che risparmiare. 
Hai bisogno di quelle scarpe nuove? -> No. -> E invece sì, comprale!
Infatti, puntale, è arrivata la scusa: il mio compleanno, fra poco più di un mese. E poi me lo merito, mi sono detta, dopo mesi di logorio delle meningi. Ecchecavolo.
E così, dopo un'ora in cui il signor Antonio ci ha prima mostrato parte della nuova collezione invernale e poi fatto provare di tutto facendoci imprecare contro il nostro portafoglio, siamo uscite con una busta a testa. Sì, lo confesso, ho ceduto. Ma quando siamo uscite da lì non eravamo pentite, eravamo drogate: lievitavamo sopra i sanpietrini, ridendo come invasate, sembravamo strafatte. E invece era euforia da shopping. Ognuna con la propria busta sigillata ci siamo dirette prima al negozio monomarca di Louboutin (su cui tornerò in un prossimo post) e poi siamo tornate indietro per fare una capatina da Jimmy Choo (anche su questo tornerò), dopodiché, sempre più invasate - della serie: ho raggiunto l'illuminazione, nulla mi tange - ci siamo salutate.
Io sto ancora coccolando la busta. È da ieri che è sigillata, solo adesso ho sollevato l'adesivo e ho anche esitato, perché aprendolo temevo forse di rompere l'incanto:




Voi vi starete certamente chiedendo: sì, vabbé, ma cosa hai preso? Ve l'ho detto che ho accompagnato Shoegal perché stava accarezzando l'idea di comprarsi un nuovo paio di Casadei, vero? Non vi ho detto però che, una volta lì, abbiamo - inevitabilmente - provato diversi modelli di Blade: dalla classica deco ricoperta di Swarovski al sandalo fetish t-bar, alla nuova Blade A/I 2013-2014 (una deco/sandalo in suede blu con piping dorato, superba! E già messa in wishlist...).
Come potete immaginare, non è facile camminare su un simile tacco e lo è ancor meno se la Blade che indossate è un sandalo anziché una deco, che abbraccia tutto il piede anziché lasciarlo libero per la maggior parte. Di conseguenza, ho appurato come camminare con la versione t-bar, quasi tutta aperta, fosse più difficoltoso che con la deco, perché più instabile. Alla fine però ho trovato il mio equilibrio e ho finalmente realizzato il mio sogno e di questo ringrazio il signor Antonio per la pazienza, la premura e la gentilezza con cui ci ha invitate a provare di tutto senza problemi. 
Quando ormai sembravo orientata a comprare la versione t-bar, pur tra mille titubanze per la sua linea tanto particolare, ho chiesto al signor Antonio di provare per curiosità un modello a prima vista "strano" per via della diversa scollatura della tomaia rispetto alla Blade canonica. Si trattava di Valentina, ovvero la Blade col cinturino alla caviglia. Mi ha fatto provare il 38 nero, ma ho constatato che, pur essendo il mio numero e pur avendo il cinturino, il tallone - più scoperto rispetto alla deco classica - tendeva a scivolare fuori. Allora il signor Antonio mi ha detto: "Ci vuole il 37.5, ce l'ho in rosa". Non ero sicura di volerlo provare, temevo fosse stretto e in effetti sulle dita un po' lo è, ma onestamente non posso dire che non calzi alla perfezione: abbraccia il piede come una deco ma al tempo stesso lo fa sentire libero, quasi come indossare un sandalo. E riuscivo a camminarci senza esitazione. E il colore mi piaceva da morire. E mi sembrava di indossare un guanto. E...
Avevo trovato la mia Blade:




Versione sexy della classica Blade, è in suede color rosa antico (sulla scatola c'è scritto "amarena"), con tacco e cinturino color oro chiaro opaco, un contrasto che trovo magnifico:









Aggiungere il cinturino alla classica Blade l'avrebbe solo appesantita, forse addirittura involgarita, così Casadei ha avuto il colpo di genio: fare una tomaia più scollata per rendere la calzatura più "leggera" mantenendone inalterata l'eleganza e lo slancio. Ciò ha implicato un leggero restringimento della stessa verso la punta per abbracciare meglio le dita e creare così il giusto equilibrio tra la punta più accollata e il tallone più aperto a seguito dell'aggiunta del cinturino:




L'accollatura sulle dita, che rischiava di essere "soffocante", è stata resa elegante dalla forma a cuore, che si sposa alla perfezione con la scollatura della tomaia conferendo alla stessa uno slancio e un'armonia eccezionali.
Siccome ho escluso il flash per mostrarvi il vero colore della tomaia ma le foto non sono venute nitidissime, ne ho fatte altre col flash affinché i particolari fossero più chiari, il problema è che così il rosa antico diventa fucsia:




No, il colore vero è quello delle foto con sfondo bianco. E a proposito: Valentina è ancora disponibile online sul sito ufficiale anche nel colore turchese (che loro chiamano anice) con tacco e cinturino argento:

Non è sublime? Se in negozio ci fosse stata anche questa variante, sarebbe stato arduo scegliere, anche se il rosa antico è sicuramente più portabile e abbinabile rispetto a un colore tanto acceso e d'impatto.
Orbene, cosa ne pensate? È stata una follia? Amo le deco con i cinturini alla caviglia e tra le tante, secondo me, niente è paragonabile a Valentina.

10 commenti:

  1. Ahah è tutta colpa mia :-)
    Amo Valentina, ma non dovevi aspettare agosto per svelare il segreto? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avrei fatto, se avessi portato "Valentina" in Sardegna e l'avessi fatta fotografare come dio comanda da Sara. Ma dopo che lei me l'ha sconsigliato, ho pensato di non portarle più con me e allora non era nemmeno più il caso di aspettare: tanto per il compleanno riceverò un altro paio di scarpe! XDD

      Elimina
  2. meravigliose, non ci sono parole.. anche il colore e il contrasto, tutto perfetto *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? *_* Non potevo non prenderle! *w*

      Elimina
  3. sono stupenderrime *___*
    non riesco ad aggiungere altro..

    RispondiElimina
  4. Sono di un’eleganza impressionante. La linea filante è perfetta (voto 8/9), io che non sono amante dei laccetti sulle caviglie riesco persino a farmi piacere quel listello. Hai ragione, forse una scollatura più profonda sulle dita avrebbe reso la scarpa ancor più slanciata e meno opprimente. E’ vero, le commesse consigliano sempre il numero inferiore. Una volta le dita compresse dopo qualche ora m’infastidivano, ora non ci faccio più caso.
    Scoiattolina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non mi resta che portarle dentro casa fino ad abituarmi: prima o poi la pelle cederà.
      Grazie anche te!

      Elimina
  5. Sono bellissime! *O*
    Il colore è magnifico, la linea è stupenda e al piede sono divine.
    Ottimo acquisto, Cri! :-)

    RispondiElimina